• Camera doppia

    Per un weekend o una settimana di relax in coppia, ti proponiamo questa soluzione: arredo semplice...

  • Camera doppia (uso singola)

    Proponiamo questa soluzione "uso singola" per tutte le necessità di presenza a Roma - anche per periodi prolungati.

  • Camera tripla

    Soluzione ideale per vivere la Città Eterna per un weekend o una settimana, e gustare le ricchezze artistiche, i luoghi unici...

  • Camera quadrupla

    Per le famiglie numerose, ecco una proposta speciale per vivere la Città Eterna, un weekend o per un soggiorno prolungato.

Siamo azienda EdC

Domus Città Giardino aderisce al progetto internazionale di Economia di Comunione (EdC).

L’Economia di Comunione (EdC), fondata da Chiara Lubich nel maggio 1991 a San Paolo, coinvolge imprenditori, lavoratori, dirigenti, consumatori, risparmiatori, cittadini, studiosi, operatori economici, tutti impegnati ai vari livelli a promuovere una prassi ed una cultura economica improntata alla comunione, alla gratuità ed alla reciprocità, proponendo e vivendo uno stile di vita alternativo a quello dominante nel sistema capitalistico.

 

In concreto l’EdC invita a:

  • vivere e diffondere una nuova cultura economica e civile, dai bambini agli anziani, che Chiara Lubich ha voluto chiamare “cultura del dare”;
  • formare nuovi imprenditori e imprenditori nuovi che liberamente condividano gli utili per sostenere gli scopi dell’EdC: la riduzione della miseria/esclusione, la diffusione della cultura del dare e della comunione, lo sviluppo dell’azienda e la creazione di posti di lavoro; imprenditori che concepiscano e vivano la loro impresa come vocazione e servizio al bene comune e agli esclusi di ogni latitudine e contesto sociale;
  • combattere le varie forme di indigenza, esclusione e miseria con una duplice inclusione: comunitaria e produttiva; siamo convinti infatti, anche per l’esperienza ormai ventennale, che non si possa curare nessuna forma di povertà non scelta senza includere le persone svantaggiate all’interno di comunità vive e fraterne, e, laddove è possibile, anche nei luoghi del lavoro, nelle imprese: finché chi può e deve lavorare non riesce ad averne l’opportunità, questi rimane sempre una persona indigente.

 

Cardine importante di questa cultura del dare si trova nell’approccio dell’EdC alla gestione degli utili:

  • 1/3 va dedicato allo sviluppo dell’Azienda e di chi ci lavora, inteso come crescita produttiva, ma anche crescita umana e professionale delle persone, siano essi i lavoratori che l’imprenditore (non l’uno o l’altro);
  • 1/3 va dedicato ai bisognosi, in modo da affrancarli dalla situazione di indigenza e renderli anche essi elementi attivi (e quindi a loro volta occasione di aiuto ad altri indigenti);
  • 1/3 va dedicato alla crescita ed espansione della “cultura del dare”, da realizzarsi con la formazione di “uomini nuovi”, ovvero di persone che operino secondo tale paradigma.

 

Per rendere un tale progetto possibile, l’Economia di Comunione lavora ad un vasto progetto formativo alla cultura del dare, attraverso scuole, incontri, eventi formativi rivolti a giovani, lavoratori, imprenditori, cittadini.